mercoledì 6 febbraio 2013

Vini | Domaine de Donadille Lycée Agricole Marie Durand Viognier 2008


Domaine de Donadille Lycée Agricole Marie Durand Viognier
Di Cecilia Sitran

Ho avuto l'occasione di visitare il Lycée agricole Marie Durand nel 2010, situato a pochi kilometri dalla cittadina di origine romana Nimes, nell'ambito di un Master organizzato dalla Comunità Europea. La logica delle scuole professionali francesi che avvicinino i giovani all'agricoltura pone i ragazzi nella possibilità di sperimentare fin da subito, in "campo", le conoscenze teoriche apprese sui banchi.
I docenti di questa scuola si occupano degli allievi sempre, con attività che si svolgono durante l'intero anno didattico: si va dunque dalla coltivazione della vite e dell'uliveto, alla cura delle varie fasi vegetative, alla studio di nuovi sesti d'impianto, fino alla vendita dei prodotti che sono dunque interamente frutto delle capacità degli studenti.

La cantina del Lycée agricole Marie Durand è provvista di autoclavi in inox e una piccola barricaia: è all'interno di questi ambienti che si formano ogni anno i nuovi viticoltori, in una regione della Francia conosciuta, fino a non molto tempo fa, come area di poco pregio, in cui la quantità andava a discapito della qualità.
Vengono coltivati 16 vitigni, tutti originari della parte meridionale della Francia, come il Carignano ed il Vermentino (spesso se ne trovano ottime espressioni in Sardegna); Syrah e Grenache sono i maggiormente rappresentati ed infine Mourvèdre, Merlot, Chardonnay.

Il vino su cui mi sono soffermata è un Viognier in purezza del 2008, ottenuto da un'agricoltura che si sta completamente votando al biologico e maturato in autoclave. Si presenta con spiccati riflessi dorati (quando il vino è più giovane sono presenti invece degli intensi riflessi verdognoli). Al naso c'è un immediato richiamo alla frutta, soprattutto una pesca evoluta ma anche mandarino e pompelmo e qualche nota di esotico. In bocca invece si nota subito una nota fresca controbilanciata da qualche spezia, come ad esempio il pepe bianco, e non mancano dei sentori di erbe provenzali che caratterizzano l'area mediterranea. Molto piacevole il finale lungo e ammandorlato. 
Domaine de Donadille Lycée Agricole Marie Durand Viognier
La capacità d'invecchiamento di questo Viognier è di circa 5 anni; è abbinato per regionalità con capesante gratinate e con la tipica brandade, un piatto simile al nostro baccalà mantecato, con aggiunta di panna e aglio. Viene utilizzato anche come aperitivo nonostante la nota alcolica considerevole che pare tuttavia molto equilibrata grazie ad un bouquet elegante e fine.

Sono rimasta piacevolmente stupita dalla meticolosità e della serietà di lavoro dei ragazzi della scuola e, conseguentemente, dai risultati finali.  
Il mio personale pensiero su tale vino è che a fianco dei grandi e tanto blasonati nomi della cultura enologica francese, ci sono proposte che, a mio modesto parere, meritano attenzione e, perchè no, un buon calice così non dovrebbe mancare sulle nostre tavole!
à la santé

Cecilia Sitran

Nessun commento:

Posta un commento